VOCES

...dall'atto unico "Le voci" di Claudio Magris

Regia di Raffaella Caruso

Il protagonista sopporta la sua esistenza banale scindendosi in tre personalità rappresentate in scena da altrettanti attori. Anima schizofrenica che vaga nella notte della sua mente. Anima apparentemente calma travolta da un'inquietudine solitaria e nascosta, Anima fuori dalla realtà arrabbiata con l'umanità. L'unica costante è il suo pensiero ossessivo che seziona le voci delle donne, compulsiva fonte di appagamento emotivo. Voci femminili che condizionano ogni riflessione e lo spingono ad un graduale ma inesorabile distaccamento dalla realtà. Parteciperete ad un viaggio introspettivo che si chiude a spirale per implodere nella follia pura.

web developer: marco contini